30 marzo 2020 –  MADJ (Movimento Ampio per la Dignità e la Giustizia)

https://madj.org/index.php/2020/03/30/el-saqueo-extractivo-podra-continuar-en-tiempos-de-cuarentena-en-honduras/

In tempi di quarantena, il saccheggio e consegna del territorio honduregno non si fermerà, perché il Governo di Juan Orlando Hernández sta garantendo che l’emissione dei permessi non venga sospesa. Anzi, ha messo a disposizione degli “sviluppatori di progetti” una piattaforma virtuale per avviare l’iter delle concessioni ambientali e relative operazioni, onde evitare che questo business si arresti. 

Nel comunicato emesso dal Governo della Repubblica dell’Honduras attraverso la Segretaria delle Risorse Naturali, “Il Mio Ambiente”, in collaborazione con gli sforzi realizzati dal Governo Digitale dell’Honduras si espone che, “allo scopo di promuovere l’investimento nel Paese e continuare col processo di regolarizzazione ambientale, gli sviluppatori di progetti potranno presentare le loro richieste di licenze ambientali on-line, allegando la documentazione tecnica legale corrispondente attraverso la pagina web: miambiente.prohonduras.hn. 

Inoltre il Governo, per facilitare la consegna del territorio, comunica agli sviluppatori di progetti che dopo la data di dichiarazione ufficiale di fine della quarantena, avranno 60 giorni per presentare la documentazione in formato cartaceo o altro, usufruendo già dell’avanzato procedimento on-line. 

Per conformarsi all’asservimento verso gli impresari estrattivi, il governo honduregno permetterà loro di continuare ad operare con la licenza ambientale scaduta, potendone sollecitare il rinnovo durante i 60 giorni successivi alla dichiarazione ufficiale di fine della quarantena.  

Nel comunicato si afferma anche che “i Titolari di Progetti, Opere o Attività che attualmente dispongano di una Licenza Ambientale Operativa e in corso di ottenimento di quella definitiva: potranno con la suddetta licenza proseguire nell’attuazione dei progetti mentre è in corso lo Stato di Emergenza Nazionale.”  

Il governo dell’Honduras attraverso la Segreteria delle Risorse Naturali ed Ambienti afferma che i Titolari di Progetti, Opere o Attività che siano obbligati durante lo Stato di Emergenza Nazionale a presentare Relazioni di Attuazione di Misure di Controllo Ambientale (ICMA´S), pagamenti per le concessioni, multe ed ispezioni, potranno realizzare tutto quanto nel periodo dei 60 giorni successivi alla data di dichiarazione ufficiale di fine dell’attuale Emergenza.  

Con queste misure il governo di Juan Orlando Hernández assicura il mantenimento della sua politica di concessione del territorio honduregno, mentre oltre il 65% della popolazione vive in povertà e cerca il modo per affrontare il virus COVID19 e, contemporaneamente, il peggior virus che ha attaccato l’Honduras: la narcodittatura. 

 

Traduzione di Adelina Bottero