A quasi 4 anni dall’omicidio di Berta, durante il mese di dicembre qualcosa si è mosso, piccoli passi verso la giustizia integrale? Condanne, anche se non esemplari, agli autori materiali e un’inchiesta che cita, con prove, nomi e cognomi dei mandanti, di coloro che hanno voluto la morte di Berta, organizzandola e pagando i sicari; nomi tra l’altro sempre presenti nelle denunce del COPINH sin dai primi giorni. Condividiamo la traduzione dell’inchiesta, la copertura mediatica in Italia e la traduzione della petizione lanciata da diverse organizzazioni dei diritti umani internazionali dove si esige che anche gli autori intellettuali vengano indagati e castigati.   


                           

L’omicidio di Berta Cáceres in Honduras e il ruolo dei vertici della società interessata al progetto “Agua Zarca” di Luca Martinelli

L’omicidio di Berta Cáceres, la leader indigena del COPINH, in Honduras è stato pianificato dai vertici di DESA. A 45 mesi dalla morte della donna, assassinata da sicari a colpi d’arma da fuoco nella notte tra il 2 e il 3 marzo del 2016, nella sua casa della cittadina de La Esperanza, nel dipartimento di Intibucà, è un’inchiesta dell’Intercept a ricostruire i meccanismi di comunicazione dietro la costruzione del delitto. È stata scritta dalle giornaliste Danielle Mackey e Chiara Eisner, che chiamano in causa i vertici di DESA, la società interessata alla costruzione del progetto idroelettrico Agua Zarca, un’infrastruttura che andrebbe a stravolgere il rio Gualquarque, e la vita della comunità indigene di etnica lenca affiliate al COPINH e che vivono intorno alle sue rive.   LEGGI TUTTO>>>


Traduzione dell’inchiesta dell’Intercept : ALL’INTERNO DEL COMPLOTTO PER ASSASSINARE BERTA CÁCERES


L’organizzazione di Berta, il COPINH, dal primo momento ha denunciato la responsabilità di una struttura criminale che è parte dell’impresa e dei suoi dirigenti, per questo organizzazioni dei Diritti Umani invitano ad aderire ad una petizione, che verrà presentata alle autorità competenti, dove si esige che si proceda nell’indagine, sentenza e sanzione degli autori intellettuali, che purtroppo ad oggi e nonostante le prove sono ancora liberamente impuni.    CLICK QUI Per aderire alla petizione GIUSTIZIA PER BERTA (in italiano)


 Il 2 dicembre, inoltre, sono state quantificate le condanne agli autori materiali dell’omicidio di Berta: 

Sentenza Berta Cáceres: un primo passo sulla strada della giustizia

Honduras, condannati a 50 anni gli assassini di Berta Cáceres. Ma non basta!

Omicidio di Berta Caceres: condanna a 50 anni per 7 persone. Ma i mandanti sono impuniti

Honduras, mezzo secolo di carcere per gli assassini di Berta Cáceres. Ora i mandanti

Gustavo Castro: l’impunità per l’omicidio di Berta continua

Berta Caceres, condannati gli assassini. Forse per l’Honduras è finita l’epoca dell’impunità