L’Honduras, come altri Paesi centro e sudamericani, sta facendo i conti con la depredazione del territorio e c’è chi combatte e… muore

QUI IL VIDEO DELL’INTERVISTA

L’Honduras è un paese pericoloso per i militanti ambientalisti che lottano per mantenere e preservare la loro terra dallo sfruttamento minerario, idroelettrico e dall’ agricoltura estensiva.

Berta Cáceres, assassinata il 2 Marzo 2016 è diventata un simbolo delle lotte sociali nel paese, un esempio di coraggio e determinazione per le comunità indigene e per tutti quelli che lottano per cambiare il Paese. Si è battuta per un decennio con il popolo Lenca contro la costruzione della diga di Agua Zarca sul fiume sacro Gualcarque. L’impresa concessionaria Desa è responsabile, secondo le figlie, dell’assassinio della madre e di altri membri del Copinh (Consiglio delle organizzazioni popolari indigene dell’Honduras).

Abbiamo incontrato a Milano le figlie di Berta – Laura e Bertha Zuniga Cáceres – durante una delle tappe del viaggio in Italia intrapreso per sensibilizzare sulle difficoltà del popolo Lenca e di tutto l’Honduras. Un’occasione per sapere, a tre anni dalla sua morte, se Berta Cáceres avrà giustizia.

Anna Gregnanin – Mauro Consilvio